Svolta per Nina Moric: dalle passerelle alla politica a fianco di Casapound (© ANSA/DANIEL DAL ZENNARO)

POLITICA E SPETTACOLO

Nina Moric si schiera con Casapound

La modella croata ha rivelato durante un'intervista a Radio Cusano Campus di essere in contatto con il movimento fondato da Gianluca Iannone e che potrebbe essere pronta a scendere in campo a loro fianco

ROMA – Svolta per Nina Moric: dalle passerelle alla politica a fianco di Casapound. La modella croata ha rivelato durante un'intervista a Radio Cusano Campus di essere in contatto con il movimento fondato da Gianluca Iannone e che potrebbe essere pronta a scendere in campo a loro fianco.

«Una proposta molto interessante»
«Scendere in politica con Casapound? Ci siamo conosciuti, abbiamo parlato, ci sono dei progetti da fare, in settimana incontrerò il fondatore di CasaPound, Gianluca Iannone, e poi si vedrà», ha detto Moric, spiegando di essere decisamente convinta dalla proposta politica dei «fascisti del terzo millennio», e che l'interesse a una collaborazione è reciproco: «Sicuramente quella di Casapound è una proposta molto interessante, sia da parte loro, che sono molto curiosi, sia da parte mia. E’ reciproca la cosa».

«La gente si è fatta una idea molto sbagliata su di loro»
Il ruolo della showgirl potrebbe essere quello del volto «gentile» del movimento, così da veicolare il loro messaggio abbattendo il muro di diffidenza che circonda gli attivisti della Tartaruga: «La gente si è fatta una idea molto sbagliata su di loro, sono poco in vista, invece con me magari avrebbero una occasione, una opportunità, di dimostrare che le cose le sanno fare. Loro parlano poco e fanno molto di più».

"E' stato un avvicinamento reciproco»
Moric ha spiegato che la convergenza fra lei e Casapound è nata a causa di un «interesse reciproco», e che «galeotti» sono stati i social network: «E' stato un avvicinamento reciproco, non saprei dire chi ha cercato chi. Il mio modo di utilizzare i social ha sicuramente influito, rendendo chiaro a tutti quali fossero le mie idee politiche».

Commenti